Stop ai privilegi fiscali dei multimilionari: l’iniziativa è stata depositata

L’Alternative Linke – La Gauche – La Sinistra, il PS svizzero, l’unione sindacale svizzera (USS) e Unia hanno depositato a Berna l’iniziativa popolare « Stop ai privilegi fiscali milionari (abolizione dei pacchetti fiscali) », lanciata dalla sinistra alternativa. Le 103.000 firme convalidate dai Comuni, sulle 120 000 raccolte da queste organizzazioni, sono state depositate presso la Cancelleria federale questo pomeriggio.

Questa iniziativa vuole abolire in tutta la Confederazione la scandalosa imposta forfettaria dei milionari stranieri. Oggi, invece di essere tassati sui loro redditi e sui loro averi, devono segnalare come reddito una somma forfettaria (fino 5 volte il valore locativo delle loro case, ora 7 volte), a condizione che non si impegnino in un’attività lucrativa in Svizzera. Così, 5500 super-ricchi stanno approfittando attualmente di questo dumping fiscale. Tra questi, ci sono un numero crescente di nomadi del business,  di disoccupati fittizi, come Ingvar Kamprad e Viktor Vekselberg, che gestiscono i loro conglomerati d’imprese da casa nostra.

Gli iniziativisti richiedono le medesime regole del gioco per tutti: ciascuno deve pagare le tasse in base alla propria capacità economica, come indicato nella nostra Costituzione. L’imposta forfettaria viola l’uguaglianza di fronte alla legge e mina il morale degli individui costretti a pagare le tasse fino all’ultimo centesimo. L’indurimento (cosmetico) della tassazione forfettaria, fissata recentemente dal Parlamento, non modifica questa ingiustizia fondamentale.

Pensiamo che valga la pena di introdurre una maggiore giustizia fiscale, e l’esempio di Zurigo lo mostra bene. La minaccia di lasciare il Cantone, minaccia esercitata da parte dei beneficiari della tassazione forfettaria, non si é realizzata : quasi la metà sono rimasti. Ma, infine, l’amministrazione fiscale incassa più imposte da coloro che sono rimasti di quanto non incassava prima.

Inoltre, le relazioni con i nostri partner commerciali sarebbe rafforzata, senza questa spina scandalosa nel corpo di signora Helvetia, migliorando così la propria presenza internazionale in un contesto di difficili negoziati.

Una serie di Cantoni (ZH, SH, AR, BS, BL) hanno già deciso di rimuovere l’imposta forfettaria. Una soppressione a livello nazionale è sempre più urgente. Questo metterà pure fine al turismo fiscale dei milionari imposti forfettariamente e alla concorrenza che i cantoni si fanno tra loro.

Informazioni : Niklaus Scherr (AL) 044 241 77 18; Frédéric Charpié (La Gauche) 078 892 73 74; Susanne Leutenegger Oberholzer (SP) 079 673 01 03; Vania Alleva (Unia) 076 330 82 07.