Votazione popolare del 5 giugno 2016 – indicazioni di voto

SI all’iniziativa popolare « A favore del servizio pubblico »

I salari dei dirigenti delle dismesse regie federali hanno quadruplicato negli ultimi 15 anni federale, è abbastanza! Dobbiamo bloccare l’assegnazione dei bonus basati esclusivamente sui risultati finanziari delle aziende pubbliche, perché spinge i loro capi a massimizzare i profitti con qualsiasi mezzo. Le conseguenze sono: – Diminuzione delle prestazioni dei servizi pubblici. – Pressioni sul personale. – Riduzione dei salari dei dipendenti.

Dobbiamo fermare questa corsa al profitto che crea lo smantellamento dei servizi pubblici.

Un altro argomento : il divieto di riversare una parte dei profitti alla Confederazione. La posta chiude oltre la metà degli uffici per i cosiddetti motivi economici, e paga oltre 200 milioni all’anno alle casse della Confederazione. Mantenendo questo denaro, i servizi pubblici potrebbero finanziare molti progetti e mantenere la loro rete e garantire servizi pubblici di qualità e di prossimità.

SI all’iniziativa popolare « Per il reddito di base incondizionato »

Il RBI rimuove la stigmatizzazione dei cittadini che non possono ottenere un reddito sufficiente dal loro lavoro, o la loro ricchezza, in un’economia che non garantisce più la piena occupazione. Il RBI incoraggia l’imprenditorialità, riducendo il rischio degli imprenditori, permette partenze con stipendi modesti con persone motivate, disposte a iniziare perché beneficiano del RBI. L’accesso alla formazione viene democratizzando favorendo un assegno di studio, permettendo a tutti di seguire una formazione supplementare. La semplificazione dello stato sociale, eliminando una serie di servizi complessi. Per l’immigrazione, il RBI sarà rilasciato ai titolari di un permesso di soggiorno valido; se necessario, la concessione potrà essere ritardata prima che venga concessa ai nuovi arrivati. Ciò invalida le teorie dell’attrattività svizzera sulla migrazione economica, che minaccia gli operai.

NO all’iniziativa popolare « Per un equo finanziamento dei trasporti »

Questa iniziativa priva i trasporti pubblici di 1,5 miliardi all’anno. Per maggiore equità, bisognerebbe già che il settore del trasporto motorizzato copra i propri costi: l’Ufficio federale di statistica indica a 6,5 miliardi all’anno i costi collettivi per il traffico motorizzato.

Abbiamo bisogno di frenare questa spinta ai costi sempre più elevati del trasporto pubblico e meno costosi al traffico motorizzato. Per le regioni periferiche ove la fornitura del servizio pubblico è inferiore, è particolarmente importante finanziarne lo sviluppo, osserviamo ora piuttosto ora la tendenza di chiudere le linee ritenute poco redditizie in queste zone. La Sinistra sta conducendo una campagna per il trasporto pubblico gratuito, questo almeno per studenti e apprendisti.

SI alla Modificazione della legge sulla procreazione medica assistita

Sono le famiglie a dover decidere, in particolare quelle colpite, perché portatrici di una malattia ereditaria grave 9gwrjbp. Va offerta loro questa libertà di chiedere o meno una diagnosi pre impianto. Il diritto inquadra sufficientemente questa pratica. La Sinistra considera che quanto è già autorizzato dalle diagnosi prenatali debba esserlo anche nella diagnosi rimpianto.

NO alla modificazione della legge sull’asilo

Questa modifica, proposta dal PS sotto il cappello di una soluzione di assistenza giuridica gratuita non è funzionale, ed è come polvere n occhi visti i mezzi che le sono attribuiti. Non è equa, né rapida e ancor meno efficace. In realtà, questa modifica porta solamente un indurimento supplementare al Diritto d’asilo : esclude dalla qualità di rifugiato i disertori minacciati da gravi pregiudizi, permette la redazione delle decisioni in una lingua estranea al richiedente, genera una pressione incredibili sulle autorità d’esame tramite tempistiche realistiche, crea grandi centri senza l’accordo delle autorità locali, sopprime definitivamente la domanda presso le ambasciate, cosa che fornisce un « gustoso » traffico ai passatori.

Questa modificazione è nociva ed inefficace.

Contatto :            

Frédéric Charpié – co/Secrétaire national – suisse romande et TI
info@lagauche.ch                  078 892 73 74

Klingsor Reimann – co/Secrétaire national – suisse alémanique
info@alternative-linke.ch      079 237 13 55